• Pubblicato in data 30/06/2017

Crisi Idrica, la Banca del Cilento e la BCC di Buonabitacolo in aiuto di Consac spa: finanziati 4,5 milioni di euro

4 milioni e 500 mila euro finanziati a Consac spa dalla Banca del Cilento, di Sassano e Vallo di Diano e della Lucania e dalla BCC di Buonabitacolo. È il modo scelto dalle due BCC del territorio per scendere in campo aiutando in modo concreto le loro comunità, in un momento di grande sofferenza per il bene primario dell’acqua, alimentato dalla siccità senza precedenti degli ultimi mesi, che sta generando una vera e propria emergenza nazionale. In questo contesto il consistente finanziamento concesso in pool dalla Banca del Cilento e dalla BCC di Buonabitacolo al gestore del sistema idrico integrato di gran parte del territorio cilentano e valdianese, rappresenta una fondamentale boccata d’ossigeno per il sistema acqua salernitano: la liquidità affluita nelle casse di Consac SPA consentirà infatti di portare avanti l’ammodernamento tecnologico di impianti e infrastrutture e di gestire al meglio l’emergenza estiva in corso (IMMAGINI E INTERVISTE SONO DISPONIBILI NELLA SEZIONE "VIDEO" DEL NOSTRO SITO WEB).

La stipula del finanziamento, avvenuta ieri a Vallo della Lucania nella sede della Banca del Cilento, Sassano e Vallo di Diano e della Lucania, rappresenta un esempio virtuoso di positiva sinergia territoriale, tra chi gestisce il sistema finanziario e chi gestisce il prezioso bene dell’acqua, ed è allo stesso tempo un evidente dimostrazione di lungimiranza e di attaccamento al territorio da parte della Banca del Cilento e della BCC di Buonabitacolo. Le due BCC in questo modo proseguono nel modo migliore il dialogo avviato nei mesi scorsi, attivando una concreta sinergia destinata a dare a breve ulteriori frutti positivi per il territorio e per le comunità salernitane.

Il contratto di finanziamento è stato firmato alla presenza, tra gli altri, del presidente e del direttore generale della Banca del Cilento, Pasquale Lucibello e Ciro Solimeno, del direttore generale e del vicedirettore della BCC di Buonabitacolo Angelo De Luca e Angelo Frodella, e del presidente di Consac Gestioni Idriche spa, Gennaro Maione.

Il finanziamento ottenuto -ha detto il presidente di Consac Spa Gennaro Maione- costituisce per noi una indispensabile boccata di ossigeno, e ringraziamo la Banca del Cilento e la BCC di Buonabitacolo per aver fatto uno sforzo importante, che rappresenta al meglio lo spirito delle Banche di Credito Cooperativo. Si tratta di un momento di sinergia fondamentale per le nostre comunità, con un intervento che aiuterà in modo reale il territorio: questi 4 milioni e mezzo di euro -ha continuato Maione- consentiranno infatti di avviare una serie di attività che riguardano principalmente riparazioni delle condotte idriche. Conferendo economia alla struttura, il finanziamento permetterà sia di far fronte ad impegni già presi sia di avere una liquidità maggiore per affrontare l’attuale emergenza idrica, sulla quale stiamo lavorando in maniera serrata per evitare il più possibile disagi alle popolazioni salernitane”.

Grande soddisfazione per l’importante risultato raggiunto è stata espressa dalla dirigenza delle due BCC.

Non abbiamo fatto altro che il nostro dovere -ha commentato il presidente della Banca del Cilento Pasquale Lucibello- visto che le BCC nascono per sostenere il proprio territorio di competenza. Consac spa è l’azienda che gestisce l’acqua in buona parte del Cilento e del Vallo di Diano, ed aveva la necessità di un finanziamento per un progetto importante, destinato ad ottimizzare il sistema acqua salernitano. Noi ci siamo messi a disposizione, insieme alla nostra consorella BCC di Buonabitacolo, lavorando serratamente per arrivare a questo finanziamento importante. Si tratta di un contributo che consentirà di intervenire per risolvere problemi annosi, in particolare quello della perdita di acqua nelle condotte. Ed è anche il primo esempio di collaborazione tra le nostre due BCC, finalizzato ad alleviare i disagi delle comunità salernitane. Molti altri ne verranno nel prossimo futuro”.

Si parla delle BCC come le «Banche Amiche» -ha evidenziato il direttore generale della BCC di Buonabitacolo Angelo De Luca- e gli amici si vedono nel momento del bisogno. C’è una emergenza idrica che rappresenta una situazione estremamente complessa per il nostro territorio, e quindi era nostro dovere intervenire in questo momento di necessità con la consorella Banca del Cilento, che ci ha coinvolto in questa iniziativa. Si tratta di un finanziamento rilevante, che potevamo riuscire ad erogare soltanto lavorando in pool: queste sono le cose che devono caratterizzare le BCC, al di là di qualsiasi riforma. Sostenere il territorio, soprattutto nei momenti di difficoltà, e rispondere quando il territorio ci chiama a fare investimenti importanti per la sua crescita. È solo una delle iniziative che abbiamo in mente, e vogliamo portare avanti molte altre operazioni in sinergia con la Banca del Cilento. Noi facciamo squadra -ha concluso De Luca- e ritengo che quello di oggi rappresenti solo il primo tassello di un percorso virtuoso che faremo insieme”.

Questi 4 milioni e mezzo di euro -ha sottolineato il direttore generale della Banca del Cilento Ciro Solimeno- sono un finanziamento al servizio delle nostre comunità, a dimostrazione di come le risorse del territorio vengono dalle BCC reinvestite nel territorio, nell’interesse e per il soddisfacimento di tutti i bisogni delle popolazioni. L’esigenza primaria in questo momento è quella di riuscire a mantenere un consumo idrico adeguato alle necessità delle famiglie del Cilento e del Vallo di Diano, ed il finanziamento erogato a Consac serve proprio per la manutenzione e l’ammodernamento della rete idrica. Abbiamo dato un esempio di pragmatismo e concretezza finalizzato alla realizzazione di opere utili al territorio, e mi fa davvero piacere iniziare in questo modo a mettere in pratica la collaborazione con la BCC di Buonabitacolo, nell’interesse delle nostre comunità e per risolvere una emergenza. È anche la dimostrazione che quando c’è la volontà e ci sono le risorse, basta indirizzarle nel modo giusto: ciascuno facendo il proprio lavoro”.

News recenti